TRAPASSO E BENINCASA

copertina_libro_trapasso_benincasa1
Trapasso e BenincasaDue Famiglie Gimiglianesi

XIV secolo d.C.: Gimigliano è un fiorente borgo calabrese adagiato sulle verdi colline pre-silane, a poche leghe di distnaza da Catanzaro: la sua nascita viene datata IX secolo d.C., ma tracce della presenza di gruppi rurali organizzati in questo territorio possono essere fatti risalire fin dall’epoca romana.

I suoi abitanti, dagli albori e nel corso dei secoli, sono dediti alla coltivazione nei rigogliosi terrazzamenti e vallate solcate da fiumi e all’allevamento allo stato brado di ogni genere di capo di bestiame, oltrechè all’estrazione del prezioso marmo verde e rosa dalle cave della zona. Gli interessi economici attirano nel paese molta popolazione fin dalle origini dell’antico borgo, fatto testimoniato dalle numerose congregazioni religiose che si instaurano nel territorio, che portano fervore religioso e culturale nel paese; in questo contesto così vivo da un punto di vista economico, commerciale, religioso e sociale, abbiamo tracce evidenti nelle cronache gimiglianesi di due tra le più antiche e segnalate famiglie, i Trapasso e i Benincasa.

Queste hanno un forte radicamento sul territorio testimoniato dal fatto che notizie di alcuni dei più noti personaggi appartenenti a queste due casate le ricaviamo dai Regesti Vaticani del Russo già attorno al 1600; nel secolo successivo, il 1700, nel Catasto Onciario di Napoli, questi due illustri cognomi riempiono molte delle pagine dell’Archivio del Regno di Napoli, con personaggi appartenenti a famiglie nobili del luogo, noti e meno noti, segno tangibile della loro espansione sul territorio calabrese. Le famiglie su cui ci concentriamo in questo lavoro vivono dei prodotti raccolti nelle loro proprietà terriere, dedicando tempo e risorse alla coltivazione, alla produzione ed alla vendita dell’olio d’oliva, tradizione che si tramandano di generazione in generazione. Alcuni dei personaggi più illustri di queste casate emergono per le loro doti artistiche, la poesia in particolare, ma anche personaggi influenti delle istituzioni religiose e politiche locali forniscono il loro contributo attivo allo sviluppo e crescita del borgo.

Ripercorriamo i secoli, ricostruendo gli alberi genealogici di queste due famiglie fino a quando, nel secolo scorso, le loro vicende si intrecciano, allorquando un Trapasso e una Benincasa si uniscono in matrimonio. Da quel momento le due famiglie diventano un’unica e grande entità, fondendo le loro energie, le loro forze e i loro ingegni.

I documenti d’archivio, le foto d’epoca di molti dei personaggi appartenenti a queste e qui raccontati, le immagini dei luoghi dove hanno vissuto, sono regalati alla visione del lettore.

Può essere acquistato in maniera svincolata dal libro l’albero Genealogico delle famiglie Trapasso e Benincasa di Gimigliano.

Consigliamo comunque di acquistare sia il libro che l’albero genealogico per una maggiore comprensione del lavoro e dei personaggi in questo presentati.